Identità GdB 2016 -tagliata

Nuova ecologia dello sviluppo significa rigenerare un nuovo “ecosistema” in cui si creano le condizioni per uno sviluppo umano integrale in un momento storico caratterizzato da una forte discontinuità, da crescenti disuguaglianze e dalla diffusione della “Terza Società”, quella degli esclusi e degli espulsi.

I meccanismi di produzione del valore (economia) e di governance (sussidiarietà) non sono più verticali, bensì “circolari” e i progressi della tecnologia digitale stanno cambiando le tradizionali strutture di potere. I cambiamenti apportati dalla quarta rivoluzione industriale (Industria 4.0) e le sfide imposte dal raggiungimento degli SDGs necessitano di nuove governance plurali ed inclusive. In tal senso, la partita si gioca sul campo dello spazio pubblico quale locus in cui la produzione di valore viene attivata dal coinvolgimento dei cittadini.

Rigenerare un nuovo ecosistema, infatti, comporta “la produzione come fatto sociale” (Becattini, 2016) ossia la centralità della società e dei territori. I segni di questi nuovi paradigmi si intravedono nell’affermazione del “sociale” dentro nuove forme di economia collaborativa, di cittadinanza attiva e di mutualismo, nella rigenerazione delle periferie urbane, nella vocazione sociale di molte start-up, nei modelli organizzativi e di business delle imprese, nell’uso sostenibile delle risorse. Una vera e propria trasformazione nei meccanismi di produzione del valore (economica, sociale, istituzionale ed ambientale) che deriva dal porre al centro il “sociale”.

Da ciò deriva la necessità di generare una nuova ecologia che sia in grado di osservare e interpretare le interazioni tra i soggetti che concorrono alla realizzazione di questo nuovo ecosistema per comprenderne i meccanismi e le pratiche che contribuiscono a generare uno sviluppo sostenibile.

Ma quali sono i protagonisti della creazione di un nuovo ecosistema? E quali le condizioni e i fattori che permettono di generare percorsi di sviluppo endogeno?

Le “Giornate di Bertinoro per l’Economia Civile 2016” intendono mettere in luce e approfondire tali aspetti a partire dalla piena valorizzazione dei soggetti dell’Economia Civile quali promotori di un’azione di trasformazione delle istituzioni economiche e sociali, dall’investimento sui giovani e dal genius loci dei nostri territori.

tema
programma
iscriviti