Sessione di chiusura

  • 0 Comments
  • 6 luglio 2017
  • di Rossella De Nunzio

Ricombinare per rigenerare: nuove geografie del valore per produrre impatto sociale

SABATO 14 OTTOBRE | ORE 09:30-13:00

L’esigenza di rispondere a nuovi bisogni sociali complessi e differenziati implicano una risposta in termini di costruzione di nuovi percorsi di sviluppo in grado di contemplare lo sviluppo di nuove economie plurali che si nutrono delle potenzialità legate al momento di “transito” del Terzo settore e dalla trasformazione della società stessa, cogliendone le sfide e individuando innovativi percorsi di risposta.

Ciò a partire dalla consapevolezza che l’efficienza e la relativa massimizzazione non può essere l’unica strada percorribile in un contesto già profondamente segnato da diseguaglianze storicamente esistenti e aggravate dalla recente crisi socio-economica. Solo attraverso processi di capacity building che mettono al centro il capitale umano, infatti, sarà possibile creare modelli imprenditoriali e relativi meccanismi di governance in grado di rispondere contemporaneamente ad un’esigenza in termini di realizzazione individuale e comunitaria.

Ridisegnare la qualità dello sviluppo, infatti, chiede un cambio di visione e un importante investimento (in termini sia di risorse economiche che di capitale umano) in processi inclusivi, comunitari e collaborativi contraddistinti dalla capacità di orientarsi all’impatto, quest’ultimo inteso anche in termini di giustizia sociale.
Introduce e coordina:

Stefano Zamagni, Università di Bologna

Intervengono:

Mario Calderini, Politecnico di Milano

“Tecnologie e impatto sociale: rischi e opportunità per l’Economia Civile”

Sergio Gatti, Direttore Federcasse

“La finanza di impatto per lo sviluppo dei territori”

Mauro Magatti, Università Cattolica Milano

“Co-Economy. Proposte per un cambio di paradigma economico”

Ermete Realacci, Presidente Fondazione Symbola

“L’Italia “migliore” e il valore aggiunto dell’Economia Civile”

Enzo Risso, Direttore SWG

“Il Terzo settore e le imprese sociali nella percezione degli italiani”

Silvia Viviani, Presidente Istituto Nazionale Urbanistica

“La città inclusiva. Rigenerazione urbana e qualità delle relazioni”

 

 

tema
programma
iscriviti